Gli antichi vigneti dei Colli Orientali del Friuli

Ascolta la lettura dell'articolo     

Lunedì 3 settembre con il titolo Prima vendemmia delle selezioni massali di autoctoni friulani sarà presentato il progetto Selezione Colli Orientali del Friuli di tutela della biodiversità e di recupero di quattro vitigni autoctoni friulani.

L'evento, organizzato dal Consorzio Colli Orientali e Ramandolo, si svolgerà alle ore 18.00 nell'azienda La Sclusa a Spessa di Cividale in Strada Sant'Anna 7/2.

L'iniziativa, avviata nel 2006, è frutto della collaborazione tra il Consorzio Colli Orientali del Friuli, l'Università di Udine e alcuni liberi professionisti, con il supporto della Comunità Montana del Torre-Natisone, della Regione Friuli Venezia Giulia, dei Vivai Cooperativi di Rauscedo e delle aziende La Sclusa e Pinat Marco.

Il progetto si è articolato in una serie di fasi che sono andate dal reperimento e il monitoraggio per tre anni dei vigneti storici di Tocai, Verduzzo Friulano, Refosco dal Peduncolo rosso e Refosco di Faedis, proseguendo con la propagazione (secondo i criteri della cosiddetta selezione massale) delle viti migliori.

Nella primavera del 2010 sono stati messi a dimora i nuovi impianti che nel corso della giornata del 3 settembre saranno presentati al pubblico in occasione della loro prima vendemmia.

Per partecipare all'evento, gli organizzatori consigliano la prenotazione telefonando al numero 0432 730129.

L'intervista

Mariano Paladin, direttore del Consorzio Tutela Vini "Colli Orientali del Friuli e Ramandolo".

Mariano Paladin. Il progetto di selezione     

Mariano Paladin. La DOC Friuli Colli Orientali     

1 Risposta

  1. luigi zampa
    molto utile ascoltare l'intervista a Paladin anzichè leggere il testo. bravi