Quando le ricette si tramandano di generazione in generazione

Ascolta la lettura dell'articolo     

Nella trattoria Gombač, nel comune di Lokev in Slovenia, la cucina carsolino/slovena si tramanda oralmente di generazione in generazione con ricette tradizionali affinate dall'esperienza casalinga.

La gostilna (come si chiama da queste parti la trattoria) Gombač si trova vicino al noto paese di Lipizza, famoso per l'allevamento di cavalli, a breve distanza dal confine con l'Italia nei pressi di Basovizza (Trieste). Il ristorante, dotato di due sale e di un ampio giardino utilizzato nella stagione estiva, è stato ricavato all'interno di un edificio risalente alla seconda metà dell'800. All'esterno due grandi castagni bicentenari offrono ombra e frescura anche nelle estati più calde.

Una gostilna dall'atmosfera sempre tranquilla e famigliare, pur non mancando nelle vicinanze mete turistiche sicuramente interessanti come il museo militare di Lokev ricco di reperti e situato all'interno di una fortezza costruita nei primi anni del 1400, la grotta di Vilenica (prima grotta in Europa aperta al pubblico) e le Škocjanske jame  (grotte di San Canziano) patrimonio dell'Unesco.

I protagonisti

Il ristorante, aperto nel novembre del 1957, è oggi gestito dalla signora Saša Gombač che lo ha ereditato dai propri genitori. Saša ricopre anche il ruolo di cuoca riproponendo le ricette apprese dalla mamma e dalla nonna. Una narrazione che ha attraversato le generazioni e che è giunta fino alla nipote di Saša, Kristina, che si occupa prevalentemente dei dolci.

La cucina

La cucina, prettamente casalinga e stagionale, ripropone le ricette tipiche di questo territorio, comune denominatore culinario del Carso sloveno e italiano. Primeggiano le carni, la selvaggina, i saporiti ćevapčići (a base di carne macinata e speziata) e l'immancabile ljubljanska (scaloppina impanata ripiena di prosciutto e formaggio). Tutti secondi piatti che ben si sposano col vino Terrano.

Tra i primi sono da assaggiare lo strudel di spinaci, gli gnocchi e la jota (minestra di fagioli, patate e “crauti”). Da non perdere, come dolce, lo strudel bollito con noci o ricotta.

La ricetta

Scaloppina di suino con prosciutto e formaggio in salsa di vino Terrano

Ingredienti per 4 persone
800g  di filetto di maiale
120g di prosciutto del Carso
120g di formaggio latteria
50g di burro
Olio
Sale e pepe
0,4 litri di Terrano

Preparazione
Mettere in una padella antiaderente il burro e un filo d’olio. Adagiare i filetti e farli rosolare per bene da entrambi i lati. Aggiungere pepe, sale, formaggio e prosciutto e sfumare il tutto con il vino. Togliere dal fuoco (se necessario far ulteriormente evaporare il vino per avere una salsa più densa). Servire il filetto se possibile accompagnato da chifeletti (cornetti di pasta di patate fritti nell’olio).

Per approfondire

- Gombac, niente di più che le ricette della nonna (servizio EuroregioneNews)
-
gostilna Gombač

1 Risposta

  1. stefano
    fa venire l'appetito