Turismo in Friuli Venezia Giulia: si punta sul web e l’enogastronomia

Ascolta la lettura dell'articolo     

Presentato lunedì scorso a Trieste il piano marketing 2013 per il turismo in Friuli Venezia Giulia. Le strategie di comunicazione puntano tutto sul web, sia per ragioni di costi sia per assecondare le esigenze del turista moderno, come ha confermato l'assessore regionale alle Attività produttive Federica Seganti.

I turisti saranno inoltre stimolati dalla possibilità di aderire a pacchetti esperienziali tematici, in linea con le esigenze del mercato e le peculiarità del territorio. Tra tutti spiccano i settori dell'enogastronomia e della cultura molto apprezzati soprattutto dai turisti stranieri.

Analizzando i dati da gennaio a settembre 2012, si è riscontrata una leggera crescita negli arrivi (+0,6% corrispondente a +10.662) e una lieve flessione nelle presenze (-1,3% corrispondente a -110.200), frutto del contenimento della spesa da parte dei turisti soprattutto italiani. A risentire di questa leggera flessione, comunque minore di quella registrata da molte delle altre regioni italiane, sono stati i mercati maturi della montagna (-2,2% negli arrivi e -4,4% nelle presenze) e del mare (-0,9% negli arrivi e -2,8% nelle presenze), mentre la fascia intermedia, in particolare la città di Trieste, ha visto un aumento sia in termini di arrivi che di presenze per turismi che connotano la nostra regione quali quello legato ad arte e cultura (+3,3% negli arrivi e +4,3% nelle presenze), enogastronomia e al cluster congressuale e d’affari.

Da evidenziare, infine, che la regione si colloca al primo posto in Italia per livello complessivo di soddisfazione dei turisti stranieri (fonte Pragma srl), al secondo posto per le voci sicurezza dei turisti e pasti e cucina locale, al terzo posto per livello di soddisfazione dei servizi di informazione e servizi per i turisti e al quinto posto per livello di soddisfazione di alberghi e altre strutture ricettive, per città e opere d’arte e per prezzi e costo della vita del turista (fonte Doxa 2011).

Sulla base di questa analisi e delle richieste del mercato, nel 2013 sarà rafforzata la comunicazione per dare visibilità nazionale e internazionale al Friuli Venezia Giulia come destinazione turistica dove è possibile praticare ancora un turismo a misura d'uomo pur volendo trasmettere il messaggio che il Friuli Venezia Giulia è anche una regione viva, dinamica, divertente e aperta. I turisti saranno stimolati con pacchetti tematici puntando anche sul turismo congressuale, sportivo, storico e religioso e sulla realizzazione di eventi di richiamo internazionale.

La comunicazione sarà affidata principalmente al web con la realizzazione di portali tematici, di un ampio uso dei social media e del potenziamento dei canali di vendita online.

L'intervista

Federica Seganti. Il turismo nel web e i 'pacchetti speciali'     

[Nella foto Alessandro Gaetano, direttore marketing Agenzia TurismoFVG, Federica Seganti, assessore alle Attività produttive Regione Friuli Venezia Giulia, Edi Sommariva, direttore generale Agenzia TurismoFVG]

I commenti sono chiusi