Crostoli e fritole, il carnevale si gusta così

Ascolta la lettura dell'articolo     

Crostoli e frittole (o fritole, come si dicono talvolta dalla Venezia Giulia al Veneto) sono dolci fritti tipici del periodo di carnevale molto diffusi in Friuli Venezia Giulia e preparati in numerose varianti.

Abbiamo chiesto a Sebastiano Scaggiante, uno dei titolari della pasticceria Bom Bom di Trieste proprietaria dello storico marchio Eppinger, di illustrarci la preparazione dei due dolci più popolari del periodo carnevalesco, diffusi in tutte le case anche per via della loro semplice preparazione: i crostoli (noti in molte regioni italiane con svariati nomi quali ad esempio galani, chiacchiere, frappe) e le frittole.

I crostoli

Ingredienti
150 g farina
2 tuorli d'uovo
40 g di zucchero a velo
20 cl di vino bianco secco
1/2 bustina di lievito in polvere
1/2 buccia di limone grattugiata

Preparazione
Disporre a fontana lo zucchero, aggiungere le uova e poi la farina setacciata assieme al lievito, impastare aggiungendo il vino e la scorza di limone, lavorare energicamente perché l'impasto è abbastanza duro. Lasciar riposare un paio d'ore al fresco coperto con una pellicola. Stendere poi allo spessore di 1 mm con il matterello e tagliare con la rotella dentata. Friggere in olio di semi di arachide alla temperatura di 170/175 gradi da ambo i lati.

I crostoli possono essere tagliati con la rotella a striscioline e poi annodati su se stessi o semplicemente lasciati piani con un taglio centrale, «la particolarità - suggerisce Sebastiano - è che devono essere sottili e gonfiarsi nell'olio bollente, una volta raffreddati vengono spolverati con dello zucchero a velo e possono essere accompagnati con della confettura di frutti di bosco o altre salse a piacere».

Le frittole

La tradizione culinaria regionale le propone in diversi modi, ma questa variante con la ricotta - consigliata da Sebastiano Scaggiante - è sicuramente una delle più apprezzate

Ingredienti
250 g ricotta setacciata
3 tuorli d'uovo
70 g di zucchero
180 g di farina
1 bustina di lievito in polvere
70 g di uva sultanina ammorbidita nel rum
30 g pinoli

Preparazione
Impastare la ricotta con lo zucchero, aggiungere i tuorli e per ultima la farina setacciata con il lievito. Incorporare poi l'uvetta e i pinoli. Friggere in olio ben caldo a 170/175 gradi per alcuni minuti, una volta tolte dall'olio passare nello zucchero semolato aromatizzato con un pizzico di cannella.

[In copertina, frittole. Nella foto in alto a destra, crostoli. Fonte eppinger.it]

I commenti sono chiusi