Agriest Tech: la tecnologia a servizio dell’agricoltura

Ascolta la lettura dell'articolo     

Da oggi al 27 gennaio Udine Fiere ospita Agriest Tech, l'approfondimento tecnologico della fiera dedicata al mondo dell'agricoltura. Tra gli ambiti toccati non poteva mancare quello dell'enologia, con uno sguardo sulle attrezzature e approfondimenti convegnistici.

Nel segno dell’agricoltura come investimento sul futuro si apre oggi a Udine Fiere la 48^ edizione di Agriest che a cominciare dal 2103 e negli anni dispari, declina maggiormente l’offerta espositiva e congressuale sulla tecnologia e la meccanizzazione diventando, appunto, Agriest Focus Tech.

Al nuovo corso della manifestazione agricola, che registra il tutto esaurito delle aree espositive del quartiere fieristico udinese, partecipano 250 espositori con una proposta merceologica tra macchinari, attrezzature, prodotti, servizi ed esperienze virtuose in gradi di offrire una panoramica della competitività dell’agricoltura, che passa e si costruisce anche attraverso la ricerca, la sperimentazione, una giusta meccanizzazione e mediante la “coincidenza”  tra i contenuti della nuova Politica Agricola Comunitaria e la strategia regionale impegnata a rafforzare un'agricoltura in grado di valorizzare i prodotti tipici, di tutelare le biodiversità, di salvaguardare il territorio e l'ambiente.

Seppur strutturata e orientata agli operatori, Agriest ha sempre avuto un’attenzione e una naturale capacità di attrazione anche per i non addetti ai lavori, ossia per un pubblico di “affezionati” e di “appassionati” della vita di campagna: una connotazione che è sempre stata un punto di forza per Agriest e per tutto il settore primario in quanto può contare su una “platea” molto più vasta, fatta non  solo di contadini e operatori del settore.

Oltre agli incontri tecnici e di approfondimento, sono 11 i convegni in programma. Agli amanti del vino e dei processi produttivi che vi stanno dietro, segnaliamo il convegno di venerdì 25 gennaio (ore 14.30 sala Bianca) organizzato da Assoenologi del Friuli Venezia Giulia intitolato “Gestione della fermentazione & off-flavours” che toccherà i seguenti temi: "I difetti nascosti: l’affetto di appiattimento" (Franco Battistutta, Università di Udine – Dipartimento Scienze degli Alimenti); "Difetti sensoriali dei vini associati a fermentazioni non controllate" (Paola Vagnoli, Lallemand Inc.); "Deviazioni organolettiche di origine microbiologica: comprensione e prevenzione di Brettanomyces e dei fenoli volatili" (Tiziana Nardi, Lallemand Inc.); "Rilevamento di Brettanomyces ieri, oggi, domani" (Francesca Cecchini, Università di Udine – Dipartimento Scienze degli Aliment).

Per approfondire

- L'anno zero di Agriest Tech (servizio EuroregioneNews)
- www.agriest.it


I commenti sono chiusi