Il Conegliano Valdobbiadene conquista i consumatori americani

Ascolta la lettura dell'articolo     

Non si ferma la conquista degli Usa da parte del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore che a febbraio 2013 è approdato per la prima volta a Houston, dopo aver attraversato negli ultimi anni gli Stati Uniti dalla East alla West Coast, da New York a San Francisco, passando per Chicago e Miami.

A Houston in Texas, uno degli stati più ricchi dell’America e un mercato nuovo e in forte sviluppo, 16 aziende della Docg hanno partecipato a Italian Wine Tales, evento di degustazione organizzato con la regia del Gambero Rosso, riconosciuto negli Usa come emblema del vino di qualità italiano. L’evento ha aperto il tour dei Tre Bicchieri, manifestazione molto attesa da tutti i wine lover americani, gli operatori e giornalisti.

Quella del 5 febbraio è stata un’occasione importante per presentare il Conegliano Valdobbiadene e consolidare l’immagine di questo vino come apice qualitativo del mondo Prosecco. Oltre al banco d’assaggio non sono mancati i momenti di approfondimento come i due seminari condotti dal giornalista del Gambero Rosso Marco Sabellico: Sparkling Prosecco Superiore e Red Tuscan.

Per il Consorzio di Tutela Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore, impegnato dal 2005 nella promozione della denominazione negli Usa, si è trattato di un’occasione importante per far conoscere al meglio questa realtà produttiva che ha scelto di farsi scoprire anche attraverso il web. L’appuntamento, infatti, ha dato modo di portare nel Paese a stelle e strisce la Conegliano Valdobbiadene Academy, vera e propria accademia virtuale per approfondire la conoscenza della denominazione, le caratteristiche del territorio e dei vitigni, il metodo di spumantizzazione, la tecnica di degustazione, gli abbinamenti. Uno strumento innovativo che si prepara a varcare i confini di un panorama importante per l’export. Quello statunitense si conferma infatti il primo mercato oltre oceano con un andamento in costante crescita che ha raggiunto negli ultimi anni la soglia dei tre milioni di bottiglie.

I commenti sono chiusi